Pernottamento venerdì tredicesimo

È successo così che venerdì 13 siamo andati a pescare con la barba Nikolai. E sebbene non abbia mai attribuito particolare importanza a queste superstizioni primitive, ho comunque sentito parlare del ruolo fatale di tali coincidenze sul numero e sul giorno della settimana. E da qualche parte in fondo c'era ancora un leggero dubbio: forse non dovresti prendere in giro il destino e andare un giorno dopo. Nikolay, ovviamente, ha riso sinceramente dei miei dubbi, ed è diventato divertente per me. Pertanto, nonostante la pioggia battente, abbiamo colpito la strada.

Nel villaggio, che si sviluppa su un livello elevato, che divenne la costa del Volga dopo la formazione della centrale idroelettrica, abbiamo incontrato un vecchio amico e Volzhanin Leonid. Celebrato l'incontro. Quindi si tuffò in due barche a remi di legno. Una barca era la mia e l'altra prendemmo da Leonid. Inoltre, la mia barca era della solita costruzione, poiché gli abitanti del villaggio costruivano le loro navi, ed era una passerella con un fondo di ferro zincato. Nonostante le dimensioni e il peso impressionanti, ha camminato abbastanza rapidamente ed è stato stabile, il che è importante quando si sta in piedi a girare. Su piccole imbarcazioni girevoli non è chiaro: mantenere una posizione stabile o lanciare il placcaggio? Che cos'è la pesca qui? Di solito, dopo aver pescato, tiravo a terra la mia barca e la fissavo su una catena e la fissavo a un forte ontano che cresceva sulla riva.

L'alodka della nostra amica Leonid era fatta di un tubo di alluminio, che viene utilizzato per innaffiare prati e campi. Era a malapena rivestito con assi in cima e persino il suo naso era in qualche modo tagliato, il che, a quanto pare, è pericoloso per la vastità del serbatoio, poiché un tale naso non è in grado di battere l'onda. Ma allo stesso tempo, la barca di Leonid era molto più leggera della mia, il che consentiva a un amico di trascinarla da sola attraverso le isole del Volga. È stato difficile per me e per loro trascinare anche attraverso gli stretti turni e le piste di registro. Di solito questo è stato fatto dalla compagnia. Ma era necessario trascinare le barche attraverso le isole per non aggirarle. Le isole sono lunghe, sebbene strette. Il design fragile della barca di Leonid è stato anche spiegato dal fatto che non doveva andare lontano sulla sua barca. Tutti gli abitanti del villaggio hanno installato reti nella cosiddetta "palude", in acque agitate e poco profonde, chiuse dall'onda. E non importa quanto il controllo della pesca combatta con loro, le persone che vivono vicino a Big Water lo hanno sempre fatto e lo faranno. Non acquistano melù in selmag ">

Quindi, indossiamo giubbotti di salvataggio con Nikolai e partiamo. Lungo la strada ci siamo fermati su un'isola e abbiamo anche "tintinnato" per incontrarci con l'acqua autunnale, odorando bruscamente di gelida freschezza. E quello è stato un grosso errore. Non puoi bere su acqua e ghiaccio, almeno puoi "fare un tiro", non di più. L'incontro con l'acqua autunnale è stato ripetuto, solo in una forma diversa. Ma - per ...

Sull'isola abbiamo lasciato la mia barca, afferrandola con una catena. Hanno trascinato la barca di Leonid attraverso il relitto e "riposato" già nel riparo, dopo aver sciolto una stufa saldata da fogli di ferro. Quindi afferrarono le canne da spinning ed entrarono nell'acqua nel condotto. E il più ridicolo: tutti e cinque o sei chilometri abbiamo camminato in barche separate e non ci siamo tolti i giubbotti, ma qui è diventato caldo e affollato in essi. Seguì una catena di eventi, non il più piacevole, sebbene durante la pesca. Nikolai si mosse verso la "lattina" a prua, per abitudine, come sulla mia pesante barca, "diede" remi e la barca leggera di Leonid con il naso corto era già un sottomarino ... E questo è nel mezzo di un canale abbastanza ampio. L'acqua ad ottobre non è molto diversa per temperatura dall'acqua invernale. I vestiti sono già pesanti. In una parola, nuotare non era molto comodo. I remi furono salvati. Li abbiamo fatti scivolare sotto le ascelle. Quindi arrivammo, ma alla sponda opposta del canale, poiché non c'era nulla da scegliere. Eravamo più vicini a questa riva.

La situazione era la seguente. Mentre nuotavo, i miei stivali andarono in fondo. Le partite, che erano sempre in un sacchetto sigillato, scomparvero da qualche parte. I telefoni si sono bagnati e non hanno mostrato segni di vita. Dall'alto, la pioggia stava già cadendo con la neve. E solo l'accendino che mi sono scaldato intorno al collo ha letteralmente salvato la vita. Ho tagliato un pezzo di corteccia di betulla da una betulla e presto un fuoco vivificante stava bruciando. Mi sono messo i guanti di gomma in piedi. A sua volta, indossando gli stivali, andammo a cercare legna da ardere. E al mattino, quando ho tagliato le imbracature dal mantello OZK e abbiamo iniziato a trasportare betulle per la costruzione della zattera, i pescatori ci hanno rimosso dall'isola.

E abbiamo trovato la barca di Leonid, dopo aver navigato sulla mia barca. Stava vicino a un'isola vicina, con cose e attrezzi, ma piena d'acqua. Quindi non potremmo capovolgerlo o raccogliere acqua e non avremmo tempo in acqua ghiacciata.

Quello era venerdì, il tredicesimo ...